“Subacquea e fotografia”

“Subacquea e fotografia”
La fotografia e la subacquea rappresentano probabilmente l’espressione più bella del rapporto che l’uomo ha con il mare quando si immerge. La foto subacquea consente non solo di documentare flora e fauna dei siti di immersione per portare a casa un ricordo, ma permette spesso di cogliere particolari istanti, attimi della vita di flora e fauna del mare e può avere una valenza scientifica.
Tutto cambia rispetto alla superficie, moltissime le peculiarità: sono richiesti attrezzatura fotografica stagna e controllo scrupoloso dell’assetto, la foto subacquea è gravata da variazioni notevoli di contrasto e colori non soltanto con l’aumento della profondità ma anche per le sospensioni che influenzano la limpidezza dell’acqua. L’acqua ha una densità 800 volte superiore all’aria.
Il primo colore che scompare è il rosso (già pressoché scomparso dopo 5 mt di profondità). A seguire gli altri colori (arancione, giallo, verde, blu, viola).  L’avvicinamento (con lenti quadrangolari o per macro) e l’uso del flash permettono di superare le problematiche relative al colore.
A Thompson spetta il primato della prima foto subacquea (1857), Boutan nel 1892 realizzo’ uno scafandro in rame (adattato su una macchina fotografica) con tre oblo’, la prima foto subacquea a colori fu scattata da Longley e Martin nel 1923. Tuttavia Jacques Cousteau è da considerarsi probabilmente il pioniere della fotografia subacquea a colori moderna. Sulla Calypso nel 1955 Cousteau e Marden utilizzarono, come sistema di protezione delle macchine rudimentali  custodie stagne e della cera per la impermeabilizzazione.
La prima fotocamera anfibia al mondo fu la Calipso Photo (ideata Jean de Wouthers, 1957. Progetto a cui partecipò anche lo stesso Cousteau) la Nikon acquisì il brevetto immettendo poi sul mercato la Nikonos.
Oggi il mercato offre una vasta gamma di macchine per fotografia subacquea ed ACUC Italia ha il piacere, in vista del congresso nazionale per il 2017, di promuovere un concorso fotografico dove una giuria di esperti valuterà le opere e redigerà una classifica.
Fotografie di Massimo Benvenuti, durante il seminario ACUC Italia 2015.

 

 

 

 

Please like & share:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial